di/con Siro Guglielmi
coreografia e performance Siro Guglielmi
musiche Alessio Zini e Cristiano de Palo
costume Siro Guglielmi

 

Pink Elephant è un salto in una stanza vuota. Esplorazione danzata delle possibilità di movimento, evasione dalle gabbie della mente che rifugge la compiutezza del gesto e trova conforto nell'insensata bellezza di un corpo.

Alessandra Pace, giuria critica Crashtest 2019

 

Di Pink Elephant colpisce la serenità con cui Siro Guglielmi afferma la sua consapevolezza di essere "solo" un ballerino sul palco, privando la scena di qualsiasi altro elemento artistico capace di dare alla sua performance una maggiore centratura nella categorizzazione di  "spettacolo teatrale" a cui si è abituati. Probabilmente troppo acerbo come attore; più che maturo come ballerino (tecnica ineccepibile anche per i non addetti ai lavori); confuso quanto basta sceglie un titolo, Pink Elephant, che al posto di fornire chiavi interpretative accresce i dubbi e fa smarrire la bussola.

Giulia Sanna, giuria critica Crashtest 2019

 

Uno spettacolo che parla di un’evoluzione personale. Parte in silenzio, con il protagonista e unico personaggio che danza in compagnia della sua ombra, spalle al pubblico. Il percorso si conclude in un’esplosione liberatoria, in cui finalmente arriva il confronto diretto con gli altri, fiero e onesto.

Marta Zannoner, giuria critica Crashtest 2019